Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Da tempo molte persone mi chiedono come poter operare individualmente per attuare l’idea steineriana della triarticolazione. Come risposta ho creato questa pagina basandomi sull’“Appello per la salvezza dell’Alta Slesia”, contenuto in Rudolf Steiner, “Come si opera per la triarticolazione dell’organismo sociale” (p. 288, Ed. Antroposofica, Milano 1988).

Nereo Villa, 10/08/2014

 

Per operare individualmente per il risanamento sociale, occorre rendersi conto che nella vita dell’organismo sociale esistono 3 SFERE distinte:

1) la vita economica,
2) la vita giuridico-politica,
3) la vita spirituale-culturale

 

1ª SFERA - LA VITA ECONOMICA

Sfera del capo (sistema nervoso o del cranio, ghilgulet o golgota in ebraico, simboleggiata nella “Favola” di Goethe dall’elemento aureo). La vita dell’economia comprende tutto quanto risponde alla logica di mercato: posta e telecomunicazioni (telegrafo, telefono, radio, televisione, internet, ecc.), ferrovie, autotrasporti, linee aeree, ecc. Ogni ambito rispondente alla logica di mercato, non può che strutturarsi secondo fraternità scientifico-spirituale (la “fraternité” è solidarietà scientifico-spirituale consistente nella divisione del lavoro, grazie alla quale ognuno lavora per gli altri).

 

2ª SFERA - LA VITA GIURIDICO-POLITICA

Sfera del petto (sistema respiratorio-cardiocircolatorio, simboleggiato nella “Favola” di Goethe dall’elemento argenteo). Tale vita del diritto, che deve svolgersi secondo equità (epicheia), cioè secondo uguaglianza (“egalité”), concerne la giustizia amministrativa nonché il servizio di pubblica sicurezza.

 

3ª SFERA - LA VITA SPIRITUALE-CULTURALE O IMMATERIALE

Sfera delle membra (sistema metabolico, simboleggiato nella “Favola” di Goethe dall’elemento bronzeo). Tale vita della cultura, comprendente ogni campo spirituale, religioso, pedagogico, e giuridico (diritto civile e penale; giurisprudenza) deve vivere nella libertà (liberté).

 

In ogni Stato terrestre, queste tre sfere sono oggi ancora mischiate, e da tale miscuglio deriva caos e magna magna.

La sola via d’uscita a ciò è la naturale indipendenza reciproca di queste tre sfere (nella favola di Goethe il Re del miscuglio d’oro, argento e bronzo, crolla lasciando vivere tre Re distinti: un Re d’oro, un Re d’argento e un Re di bronzo).

La via indicata è pertanto quella della

 

TRIARTICOLAZIONE DELL’ORGANISMO SOCIALE

 

La triarticolazione dell’organismo sociale richiede che lo Stato da un lato abbandoni la (cioè non si occupi mai più di) economia (1ª sfera nello schema), e dall’altro non si occupi mai più della vita spirituale (3ª sfera nello schema).

La sfera della vita economica è fatta di produzione, distribuzione e consumo delle merci e servizi, attività che devono essere amministrate su basi associative da chi è in grado di creare relativi beni e/o servizi. Costoro non saranno allora più disturbati da rapporti di forza statali e politici, dato che tanto i produttori quanto i consumatori regoleranno il soddisfacimento di tutti i bisogni mediante il loro comune lavoro.

La sfera spirituale o immateriale dell’organismo sociale triarticolato comprende scienza, arte, religione, insegnamento e la formulazione delle sentenze giudiziarie. Tutti questi fattori spirituali e culturali possono adempiere ai loro compiti solo in completa libertà da ogni pressione statale, e così fecondare giustamente la vita sociale. La vita spirituale e culturale deve scaturire dalla libera collaborazione di tutti gli individui spiritualmente creativi, e darsi essa stessa un’amministrazione autonoma.

La sfera legislativa-politica dell’organismo sociale è quella centrale, e consiste essenzialmente nell’attività di polizia e di amministrazione, poggianti sulla base del diritto, e regolate democraticamente da un parlamento elettivo. Poiché il parlamento si occupa soltanto di problemi statali e politici, non può disturbare la vita economica e quella spirituale (ulteriori informazioni e precisazioni in merito all’idea della triarticolazione dell’organismo sociale si possono ricavare dal possibile rapporto fra due libri di Steiner. Si tratta di “I punti essenziali della questione sociale”, e di “Enigmi dell’anima”, il primo riguarda principalmente la fisiologia dell’organismo sociale, il secondo principalmente quella dell’organismo umano).

Solo grazie a una simile strutturazione degli organismi sociali, tanto in Italia, quanto in Europa e nel mondo intero, la vita economica può superare i confini politici degli Stati e svilupparsi secondo le proprie leggi intrinseche.

Allo stesso modo è reso possibile in modo libero, al di sopra delle frontiere e indisturbati da politiche di potenza, ogni scambio culturale fra parti di popolazioni, separate da confini.

Fino a quando non si incomincia a pensare all’attuazione di una simile e sana triarticolazione dell’organismo sociale, i problemi sociali (guerre, crisi economiche, schiavitù, ecc.) non potranno essere risolti in modo corrispondente alla realtà.

Le condizioni sociali italiane (essendo l’Italia, geograficamente parlando, la spina dorsale dell’Europa e indirettamente del mondo, in quanto il mediterraneo divide l’Occidente dall’Oriente) richiedono a gran voce la triarticolazione sopra abbozzata.

Qui infatti si compenetrano due civiltà diverse che si contendono la possibilità di manifestarsi (vedi le recenti guerre nel mondo): la civiltà occidentale e quella orientale.

Insegnamento e giustizia sono i due punti cardini che determinano le frizioni.

Solo con la liberazione della vita spirituale (i.e.: culturale) si possono risolvere tali brucianti problemi.

Le due civiltà, Occidentale e Orientale, potranno poi svilupparsi in modo conforme alla loro vitalità, senza che l’una debba temere di venir sopraffatta dall’altra, e senza che lo Stato politico parteggi per l’una o per l’altra. Ogni nazionalità deve innanzitutto costituire proprie organizzazioni amministrative per la vita culturale in modo da escludere le frizioni.

Anche la vita economica delle regioni deve essere staccata dal potere statale e politico, dato che solo così i relativi problemi economici possono inserirsi nell’economia degli organismi sociali di tutta l’Europa, risolvendosi a seguito di accordi fra esperti economici dei Paesi interessati (per esperti sono qui intesi, ovviamente non gli economisti di destra o di sinistra, ma coloro in grado di creare beni e/o servizi).

 

RIASSUMENDO:

Oggi l’unica soluzione possibile e adeguata alla realtà è lo sviluppo della comprensione per la triarticolazione, la quale deve strutturarsi in modo che la propria vita economica e la propria vita spirituale si amministrino da sé.

Si stabilisca poi un accordo (articolazione) fra le due amministrazioni autonome per un organismo provvisorio, giuridico e di polizia, competente per ogni regione, fino a un chiarimento generale.

Anche se provvisorio, tale stato di cose costituirebbe, se instaurato, un esempio per le misure che tutta l’Europa dovrà prendere per il risanamento delle proprie condizioni sociali.

Solo la miopia può considerare questa idea estranea allo spirito dei nativi di ogni nazione, che in realtà hanno sempre pensato in questo modo.

 

IN PRATICA

Occorre:

1) riunire tutti i rami delle attività economiche in associazioni autonome rispetto allo Stato;

2) dichiarate tutto il sistema scolastico indipendente dallo Stato e organizzarne l’amministrazione autonoma;

3) istituire una vita statale provvisoria e parlamentare che si limiti ai problemi amministrativi e di polizia, finché le condizioni generali del Paese non abbiano assunto una base più sana;

4) formulare in comune intesa fra associazioni economiche e culturali, l’istanza giurisprudenziale di minimo vitale (1) da consegnare alla sfera giuridica come richiesta di regolamentazione giuridica non dell’ipocrita e buonistica distribuzione della ricchezza ma della restituzione - dalla nascita alla morte ad ogni singolo terrestre - del dovuto, sottoforma di quota (1) in moneta o terra, vale a dire di una quota della superficie del suolo, calcolata sulla media della fertilità e delle possibilità di coltivazione (corrispondente alla totalità del suolo produttivo divisa per il numero degli abitanti) (1).

5) fare in modo che ognuno possa essere informato per poter accogliere queste esigenze sociali.

Ogni altra soluzione è priva di valore nella misura in cui scaturisca non da rapporti (articolazioni) fra idee, ma da questa o quest’altra idea pensate come assoluti.

Ecco perché il valore dell’idea della triarticolazione sociale è reale solo se strutturato anche nei rapporti fra libere e responsabili persone reali in carne ed ossa, non fra fantasmi o spettri di persone giuridiche (società per azioni non libere né responsabili).

 

***

 

(1) Cfr. di Rudolf Steiner, “I capisaldi dell’economia”, dove è mostrata nei particolari l’esigenza di un naturale MINIMO VITALE possibile per la vita di ognuno: “Poniamo per ipotesi che un territorio economico abbia 35 milioni di abitanti (il numero è indifferente; e quel che dico riguardo a un campo economico chiuso vale anche per l’economia mondiale). Poniamo dunque che in un dato momento un territorio economico abbia 35 milioni di abitanti, e che questi abitanti debbano essere portati a una condizione, per quanto possibile, economicamente equa [...]. Che cosa si dovrebbe fare, affinché fra quei 35 milioni di abitanti si stabiliscano condizioni atte a determinare prezzi equi? Quando si incominciasse a risanare la vita economica, bisognerebbe dare ad ogni singolo individuo una quota della superficie del suolo (calcolata sulla media della fertilità e delle possibilità di coltivazione) che corrisponda alla totalità del suolo produttivo divisa per 35 milioni. Se ogni bambino, venendo al mondo, ricevesse semplicemente quel dato appezzamento di terra da coltivare, allora si formerebbero i prezzi che sono possibili in quel territorio, ed ogni cosa avrebbe il suo vero e naturale valore di scambio. [...] Ciò che ho esposto qui [...] corrisponde proprio alla realtà. Il processo economico, indipendente dall’uomo, fa veramente così in quanto il processo economico divide effettivamente la superficie del suolo fra un dato numero di individui, i quali poi devono lavorare in modo adeguato tutto quanto spunta dal suolo; si può immaginare tutto il territorio ripartito fra gli abitanti, e questo, come fatto reale, da’ a ogni singola cosa il suo valore di scambio; si può tener nota di questi valori di scambio, e l’esperienza ci mostrerà che essi si approssimano molto alla realtà vera [...]” (14ª conferenza de “I capisaldi dell’economia”). Cfr. anche R. Steiner, “La questione sociale: un problema di consapevolezza”: “La rendita agraria, che in certo qual modo può essere valutata in base alla produttività che ha un terreno sito in una certa zona, conferisce per così dire una determinata somma per una porzione di territorio nazionale. Il valore del terreno è determinato dalla sua produttività, vale a dire dal tipo e grado di sfruttamento razionale rispetto all’economia generale. Oggi è difficile farsi un’idea chiara del semplice valore agrario, perché nell’economia capitalistica moderna la rendita da capitale o il capitale si sono confusi con la rendita agraria, perché l’autentico valore economico della rendita agraria è diventato un’immagine illusoria a causa del diritto ipotecario, del credito ipotecario, delle obbligazioni e di altro del genere. Di conseguenza tutto è stato trascinato in rappresentazioni assurde e non rispondenti al vero [...]. Immaginiamo però che [il valore della rendita agraria] equivalga semplicemente al valore economico del fondo e del terreno di una zona (del fondo e del terreno con riferimento alla sua produttività). Esiste un rapporto necessario tra la rendita agraria e quanto ho indicato prima come minimo vitale di un essere umano. Oggi esistono alcuni riformatori e rivoluzionari sociali che sognano di eliminare in assoluto la rendita agraria, che credono di eliminarla nazionalizzando o collettivizzando, come dicono loro, i terreni. Qualcosa non viene però eliminato cambiandole forma. Il fatto che sia tutta una collettività a possedere il terreno o che siano diverse persone non elimina l’esistenza della rendita agraria. La maschera solo, le conferisce solo altre forme. La rendita agraria di cui ho detto esiste sempre. Se ora prendiamo la rendita agraria di un determinato territorio e la dividiamo tra il numero di abitanti del territorio in questione, ricaviamo un quoziente che fornisce l’unico possibile minimo vitale. È una precisa legge, come ad esempio lo è la legge di Boyle-Mariotte per la fisica che non può essere diversa [...]. Il soddisfacimento può esistere tra gli esseri umani solo tenendo conto di queste realtà. Se infatti si dirige il pensiero inteso a ordinare, a trasformare la realtà, nella direzione voluta dalla natura dell’organismo sociale, il resto va da sé e non può neppure succedere che uno si creda svantaggiato rispetto all’altro. È una legge che sta alla base della vera vita dell’organismo sociale. Su questi argomenti si può riflettere correttamente (ho portato l’esempio della relazione tra minimo vitale e rendita agraria), farsene concetti rispondenti alla realtà, solo a partire dalla triarticolazione considerata come elemento fondamentale. Solo sotto l’influsso della triarticolazione si possono prendere provvedimenti che sviluppino su un territorio la convivenza umana nel modo più produttivo. La vita si svilupperà infatti in maniera più produttiva solo seguendo le leggi sociali e non agendo contro di esse; si tratta cioè di vivere nel senso dell’organismo sociale. Va comunque detto che dall’osservazione esterna della vita non si acquisisce un’idea sui fondamenti della triarticolazione, proprio come non si capisce il teorema di Pitagora per quanti triangoli rettangoli si osservino. Una volta che però lo si sia capito lo si può applicare ad ogni triangolo rettangolo. Lo stesso succede per le leggi fondamentali. Una volta afferrate nel modo giusto e secondo realtà, sono applicabili ovunque [...]” (Rudolf Steiner, “La questione sociale: un problema di consapevolezza”, 2ª conferenza).

Condividi post

Repost 0