Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog


Sul pianeta indebitato (dedicato al papato) di Nereovilla

http://dai.ly/x2mzvh9

Tutto il pianeta è super indebitato. Ma con chi? Con gli abitanti di Venere? Il fatto che il debito pubblico debba essere ripagato è diventato un dogma sostenuto perfino da sedicenti steineriani (che Rudolf Steiner avrebbe chiamato UOMINI-LOCUSTA)!

Questo video è dedicato alla gerarchia cattolica e soprattutto al vescovo di Roma Bergoglio.

O “bergoglioni”, anziché continuare dal pulpito con la vostra amorevolissima politica del pugno, perché non insegnate al mondo - in quanto esperti di umanità - come attuare e adottare una moneta per l’uomo, cioè una moneta credito in luogo dell’attuale moneta debito?

Nel corso della storia, decine di Paesi hanno rifiutato con successo di pagare debiti dei quali i cittadini non erano responsabili. Lo strumento offerto a tal fine dal diritto internazionale è la nozione di detestabilità (o di odiosità) del debito, basata sui seguenti  tre pre-requisiti:

1) Il governo consegue il prestito senza consapevolezza né  consenso dei cittadini;

2) Il prestito è utilizzati per attività di cui non usufruisce la cittadinanza;

3) I creditori sono disinteressati a questa situazione pur conoscendola.

L’espansione degli Stati Uniti si confrontò con la necessità giurisprudenziale della nozione di “debito detestabile” (o di debito odioso) fin dal 1898 perché, coi territori occupati e annessi, acquisiva anche il conto lasciato dai regimi coloniali precedenti!

Dietro la maggior parte di esempi degli ultimi tre secoli di “debito detesatabile” vi furono sempre gli Stati Uniti come super-potenza in ascesa.

Così nel 2002, la Casa Bianca preparò i piani d’invasione dell’Iraq per il “giorno dopo” la deposizione di Saddam Hussein e, sapendo che sarebbe stata chiamata a regolare il debito iracheno, ne rilevava, attraverso un gruppo di lavoro segreto, la detestabilità, al fine di bloccarne i pagamenti, col pretesto che gli iracheni non potevano essere chiamati a pagare un debito, acquisito dal regime deposto.

Nessuno però a Washington vuole oggi sentir pronunciare le parole “debito detestabile” o “debito odioso”.

In verità, ogni regime politico che non si apre a questa giurisprudenza, dimostra di essere MAFIOSO, perché la logica vuole che anche ogni tassa “una tantum” (come ad esempio fu l’ICI, poi divenuta IMU), scaturita dalla statale “economia di deficit”, non possa che essere dichiarata DETESTABILE. Quindi NON DA PAGARE.

Riassumendo a grandi linee l’esposizione dell’emerito giudice e costituzionalista argentino Salvador M. Lozada il significato di “debito detestabile” o “debito odioso” (dal film documentario “Diario del saccheggio” di Fernando Ezequiel Solanas) si può dire che le tre principali caratteristiche che il debito deve possedere per essere dichiarato “detestabile” e quindi insussistente sono: 1°) Il governo deve aver conseguito prestiti senza che i cittadini ne fossero consapevoli e senza aver chiesto un assenso esplicito (in Svizzera, ad esempio, è obbligatorio il referendum per approvare spese oltre un certo importo); 2°) I prestiti devono essere stati utilizzati per attività che non hanno dato benefici alla comunità nazionale/locale; 3°) I creditori devono essere al corrente di questa situazione e non manifestare alcun interesse verso i cittadini dello stato “indebitato”. Per esempio, in Islanda i banchieri responsabili del crack furono arrestati e messi in prigione, noi italiani li abbiamo invece eletti presidenti del consiglio con la benedizione della chiesa cattolica e dei partiti di destra, di centro e sinistra!

Condividi post

Repost 0